Lug 152020
 

Se in qualche modo seguite ancora Emcorner.it, sapete che da non molto mi sono ributtato su progetti 3D. Arte abbandonata da me diversi anni fa ed ora ripresa, grazie alla possibilità offerta dalle stampanti 3D a basso costo.

Alcuni fra i progetti che mi ero prefissato, per adesso sono fermi sulla carta o meglio sul disco, ma uno ha finalmente trovato degna conclusione.

Sicuramente non è definitivo. Ci sono ancora alcune soluzioni che mi piacerebbe migliorare, ma il prototipo è completo.

Ecco il primo modello completamente auto costruito partendo dai disegni dell’autore: Volt di “Che vita di mecha”.

Volt è il personaggio originale della serie a fumetti “Che vita di Mecha” di Stefano Conte in arte “The Sparker“. Inutile che vi stia ad incensare questo spettacolare fumetto. Andate, comprate e godetene tutti. E’ un ordine.

Detto questo, il progetto mi è servito, oltre che per omaggiare Stefano dell’ottimo lavoro fatto, anche e soprattutto per sperimentare ed imparare.

Il progetto 3D è stato creato su #Blender, mentre per la stampa ho usato una Anycubic i3 Mega e filamento standard. Siamo lontani da un prodotto professionale, ma devo dire di essere soddisfatto.

Il limite più grande incontrato è nella tolleranza della stampante e dei materiali, ovviamente, specialmente per le giunture, che risultano ballerine. Spero col tempo di riuscire  produrre una versione “rivista e corretta” nonché altri personaggi!

L’attrezzatura utilizzata per questo progetto:

La mia stampante
TPU nero
PLA rosso
PLA giallo
PLA grigio
PLA bianco